La_ragione_del_debole

Una società è forte quando riconosce la ragione del debole

La_ragione_del_debole
foto da Ecoo

Una società è forte quando è compatta ed è compatta quando riconosce la ragione del debole, non solo i suoi diritti

Qualunque società, tribù, branco o stormo che sia, persino la simbiosi di tipo vegetale, si basa sulle regole. Uno scambio di più o meno “raffinati” accordi che concorrono ad un fine comune: la vita e la sopravvivenza. Le regole implicano delle norme e le norme definiscono diritti e doveri degli individui all’interno di un gruppo e a tale scopo esistono le leggi che servono per regolamentarli. Leggi umane o leggi naturali però, sono modellate in base al tempo e alle necessità e, sotto certi aspetti, in base alla cultura. L’omicidio, per esempio, non sempre è considerato un delitto, basti pensare all’America, dove in alcuni Stati è un’estensione della legge, o ad alcune culture tribali dove viene considerato funzionale alla sopravvivenza della comunità (il sacrificio umano per invogliarsi la benevolenza di una divinità). Persino il cristianesimo, ora fortemente contrario all’aborto, anche quando per scopi terapeutici, non ha esitato a mettere al rogo gli eretici e i nemici della chiesa. Ma c’è una cosa che non può essere regolamentata dalle leggi: la “ragione” non già intesa come “ratio”, ma come concetto astratto illuminista o, meglio ancora, come ci spiega la Treccani“Il fondamento oggettivo e intelligibile di qualche cosa, ciò per cui una cosa è o per cui una cosa si fa; e quindi causa, motivo legittimo, che spiega o giustifica un fatto”  Contro la ragione di esistere non c’è legge che valga, è insita in ogni essere vivente, non è negoziabile, ma spesso, per motivi quasi sempre politici o religiosi, viene equiparata ai diritti ed è su questo debole confine che nascono i peggiori malintesi.
Se guardiamo in campo internazionale vediamo che ogni Stato ha il diritto di difendere i suoi confini, ma al tempo stesso (art. 3 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani ) “Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà ed alla sicurezza della propria persona”Allora come risolvere il problema che ora si pone coi migranti? Diritto o “ragione”? Probabilmente entrambi, visto che la questione coinvolge Stati e religioni diversi tra di loro, ma “cum grano salis”: Diritto Internazionale e Diritti Umani possono entrare in collisione tra di loro. Da una parte l’immensa quantità di persone che si stanno spostando sul Pianeta (non solo nell’area mediterranea) in fuga da guerre, fame ed epidemie, con il conseguente rischio di infiltrazioni terroristiche e diffusione di contagi, dall’altra un’impellente necessità di sopravvivere, costi quel che costi. Politica e diplomazie dovrebbero gestire questi eventi in maniera equilibrata, ma si sa, non è così: la politica è la gestione del potere e la diplomazia è la mediazione dello stesso quindi, pensare che sia il sentimento di pietas a guidare la questione immigrazione è pura utopia. Ma questo, come abbiamo detto, non ferma la “ragione”, nemmeno del più debole e non le fermerà mai in quanto espressione naturale dell’esistere. Accettarla sarebbe un grande gesto di forza

Benvenuto e grazie per il tuo contributo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy